venerdì 18 settembre 2009

Prima sessione di trattativa per il rinnovo del CCNL dei Cartai – Cartotecnici.








Martedì 15 e mercoledì 16 settembre 2009 si è svolta la prima sessione di trattativa per il rinnovo del CCNL dei Cartai – Cartotecnici.
Nel corso della prima giornata le OOSS Nazionali hanno illustrato tutte le richieste contenute nel documento unitario predisposto per lo svolgimento della trattativa.
Nella seconda giornata d’incontro è stata la Controparte ad illustrare alla Delegazione Sindacale una serie di punti che Assocarta intende discutere nel corso della rinnovazione.
Le richieste riguardano una maggiore flessibilità dell’orario (straordinario e cambio turno), una maggiore flessibilità dell’utilizzo del personale (mobilità interna e reperibilità) e il chiarimento di alcune norme contrattuali e di legge (giusta causa, infortunio, legge 104, contratti a termine, turni avvicendati e non).
Una prima valutazione è stata data dalle Segreterie Nazionali che hanno giudicato negativamente l’impronta complessiva presentata da Assocarta che evidenzia il rischio concreto di svuotare il ruolo delle RSU nelle varie aziende e di peggiorare le condizioni di lavoro nel settore.
La Delegazione trattante si è poi riservata un primo momento di dibattito trovandosi in sintonia con quanto espresso dalle Segreterie Nazionali al tavolo.
Il rinnovo proseguirà giovedì 1 ottobre, presso Confindustria a Roma, in una sessione tecnica che affronterà le richieste sindacali a partire dalla
classificazione unica, mentre la Controparte ci presenterà in forma scritta le richieste verbali presentate.
Il giorno 9 ottobre, a Bologna, si riunirà il settore per una valutazione più approfondita dell’andamento della trattativa e per definire gli ambiti entro i quali il confronto potrà continuare.


Le Segreterie Nazionali


SLC - CGIL FISTEL – CISL UILCOM – UIL


Roma, 17 settembre 2009

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.