mercoledì 3 febbraio 2010

ESODO INCENTIVATO PER “ALMENO” 3.000 DIPENDENTI

In una nota del 23 Dicembre 2009, l’Azienda Poste spa ci informa che è sua intenzione di adottare un provvedimento di esodo incentivato entro il 31 Dicembre 2010 per “almeno” 3.000 lavoratori.
Come è noto, questo tipo di provvedimento sfugge alla contrattazione sindacale in quanto si tratta di stipulare un accordo tra le parti a carattere assolutamente volontario.
Tuttavia, anche sulla scorta dei precedenti in materia, siamo in grado di esprimere il nostro giudizio per coloro che intendono avvalersi di tale facoltà.
E’ ovvio che un accordo del genere richiede una particolare cautela da parte dei sottoscrittori ed il sindacato è a disposizione dei propri iscritti per una valutazione ponderata, caso per caso.
Proprio per fornire tutti quei chiarimenti necessari ad una scelta ponderata, diamo, di seguito, alcune indicazioni di massima per coloro che (sempre su base teorica) potrebbero accedere all’esodo incentivato.
Tenendo conto di quanto è già stato effettuato in precedenza, riteniamo ragionevole inoltrarci al massimo fino all’anno 2012, dando per scontato il comune accordo tra le parti e la compatibilità del budget messo a disposizione dall’Azienda per tale scopo.
Su questa base l’ipotesi di esodo volontario incentivato potrebbe riguardare:
  • Tutti coloro che entro il 2012 possono vantare i 40 anni di contributi (anche attraverso versamenti volontari entro tale data):
  • Il personale femminile che entro il 2012 compie i 60 anni di età e possa vantare almeno 20 anni di contributi; 
  • Ovviamente il personale maschile che entro il 2012 compie i 65 anni di età e possa vantare almeno 20 anni di contributi;
  • Chi entro il 30 Giugno 2012 possa vantare almeno 60 anni di età e almeno 36 anni di contributi (Quota 96) con finestra di uscita al 1° gennaio 2013
  • Chi entro il 30 Giugno 2012 possa vantare almeno 61 anni di età e almeno 35 anni di contributi (Quota 96) con finestra di uscita al 1° Gennaio 2013.
N.B. Va precisato che le ipotesi sopra riportate si riferiscono a casi analoghi già adottati in precedenza dall’azienda senza che da ciò derivi una norma di carattere contrattuale. Occorre sempre l’assenso di entrambe le parti alla stipula di un accordo liberamente sottoscritto. ...-> segue
CONSIDERAZIONI SUL FONDO DI SOLIDARIETA’
Da alcune parti sindacali vengono date in categoria informazioni fantasiose sulla possibilità che l’Azienda Poste attui massicci esodi di personale usufruendo del Fondo di Solidarietà aperto presso l’INPS.
A tale proposito, anche per non dare adito a facili illusioni, è doveroso chiarire che in merito non esiste, al momento, alcuna iniziativa da parte aziendale né tantomeno tale argomento è stato affrontato in incontri con le Organizzazioni Sindacali di categoria.
E’ appena il caso di accennare che sia nel 2008 che nel 2009 il contributo a carico dei lavoratori e dell’Azienda Poste per alimentare la dotazione del Fondo stesso è stato sospeso in quanto le somme attualmente disponibili vengono ritenute sufficienti per l’erogazione degli assegni ai 2.000 lavoratori che dall’anno 2008 hanno beneficiato di tale corresponsione.
Va anche sottolineato che l’eventuale ricorso alla erogazione di assegni di accompagnamento alla pensione riservati a personale dichiarato in “esubero” è subordinato a tali adempimenti di carattere burocratico da parte dei Ministeri competenti che ne rendono non facile l’attuazione
Alla luce di ciò non si capisce quali obiettivi si prefiggono i propalatori di tali infondate notizie che, lo ripetiamo, non hanno allo stato attuale alcuna concreta possibilità di realizzazione diffondendo tra i lavoratori inutili aspettative.
D’altra parte il nostro Sindacato non ha mai mancato di informare tempestivamente e correttamente i lavoratori su accordi ufficiali sottoscritti con l’Azienda, in particolare quando si tratta di problemi di così vasta portata.
Il Sindacato SLC-CGIL verso il Congresso

Giovedì 18 Febbraio 2010, il nostro Sindacato terrà il proprio congresso di categoria in previsione del Congresso Nazionale della CGIL. Vengono perciò indette le assemblee pre-congressuali alle quali sono invitati tutti gli iscritti ed i simpatizzanti al fine di ottemperare agli obblighi statutari previsti per tale occasione.
Le assemblee avranno il seguente svolgimento:

CALENDARIO DELLE ASSEMBLEE PRE-CONGRESSUALI



PARTECIPA PARTECIPA PARTECIPA

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.