mercoledì 29 settembre 2010

Toscolano, nubi sulla cartiera «A rischio oltre 100 lavoratori»

Un annuncio a sorpresa, che ha subito prodotto preoccupazioni e reazioni. Come spiegano in una nota congiunta Slc-Cgil, Fistel-Cisl e Uilcom-Uil, durante un incontro con le Rsu la direzione della cartiera di toscolano (gruppo Burgo) ha presentato, «in modo del tutto inaspettato», un piano di ristrutturazione «che prevede di fermare parte della lavorazione» della grande fabbrica», cioè la «macchina 11». Una prospettiva «molto grave», sottolineano i sindacati, che se concretizzata avrà pesanti ripercussioni sul fronte occupazionale: per le organizzazioni di categoria ci sarebbero a rischio «tra i 100 e i 110 posti di lavoro» a fronte dei 300 occupati, senza poi dimenticare l'indotto. I dipendenti e i loro rappresentanti, alla luce delle novità emerse, hanno chiesto e ottenuto un incontro con il sindaco di toscolano Maderno, Roberto Righettini: al primo cittadino hanno prospettando la situazione e sollecitato l'immediata attivazione del tavolo istituzionale di crisi in Municipio con il coinvolgimento di tutte le altre istituzioni interessate.
OGGI POMERIGGIO è prevista l'assemblea in fabbrica per decidere le iniziative da intraprendere «con l'obiettivo di contrastare le scelte aziendali», spiegano i sindacati che, oltre a dire «no» al piano della proprietà, annunciano una controproposta senza «costi aggiuntivi, ma finalizzata a salvaguardare l'occupazione». Nella nota Slc, Fistel e Uilcom sottolineano, inoltre, che «la cartiera di toscolano è un sito di grande efficienza per tutto il gruppo Burgo. Il prodotto è da sempre con qualità riconosciute che permettono competitività non solo a livello nazionale, e sono presenti elevati standard professionali. Inoltre, i dati registrano concrete capacità produttive. Tutto questo si traduce, per il sito, nella presentazione di bilanci con segno più: quindi restiamo sbalorditi davanti a ciò che ci è stato presentato, che consideriamo contro ogni logica di carattere industriale».
Fonte: BresciaOggi

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.