venerdì 4 novembre 2011

La sopressione dell'IPOST ed il passaggio all'INPS: prime indicazioni

Brescia, 3 Novembre 2011
Com’è noto, a partire dal 31 maggio 2010 la legge ha disposto la soppressione dell’IPOST ed il passaggio i tutte le attività attive e passive all’INPS. Per effetto di questo passaggio, i rapporti tra gli assicurati (personale in servizio e pensionati) e l’INPS dovranno avvenire direttamente tramite le strutture territoriali dell’Ente site nei comuni di residenza (ove esiste), oppure tramite la sede provinciale.
La sede provinciale è in Via Benedetto Croce n. 32 – 25123 Brescia.
Tutte le pratiche con l’INPS possono essere svolte anche tramite il Patronato INCA-CGIL il quale è accreditato presso l’istituto ed al quale ci si può rivolgere in modo totalmente gratuito.
Per quanto riguarda i pensionati 
In questi giorni l’INPS provvede ad inviare a tutti i pensionati ex.Ipost una raccomandata con A.R. in cui vengono indicati: a) – L’importo lordo mensile della pensione, il nuovo numero e la nuova categoria attribuiti; b) – Il certificato della pensione; c) - La data di pagamento dei ratei che avverrà dal 1° giorno lavorativo del mese a partire dal 1° Novembre 2011.
Per il personale in servizio 
E’ stato istituito un POLO SPECIALISTICO competente per la gestione dei flussi informativi e per le attività connesse alla gestione della posizione assicurativa degli iscritti. Tutte le richieste ed i contatti dovranno avvenire o tramite le strutture territoriali dell’INPS o tramite i patronati. Infine l’INPS informa che tramite il sito www.inps.it è possibile ottenere il codice PIN attraverso il quale si ha accesso a tutte le informazioni on-line relative alle propria posizione assicurativa. La nostra segreteria è a disposizione degli iscritti per ulteriori informazioni e precisazioni che dovessero essere ritenute necessarie.
La segreteria SLC-CGIL di Brescia 

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.