domenica 20 maggio 2012

Iniziative per i festeggiamenti dei 120 anni della Camera del Lavoro di Brescia


Nel 1892 lavoratrici e lavoratori superano le associazionidi mestiere, danno vita alla Camera del Lavoro: ad un’organizzazione unitaria ed autonoma del proletariato bresciano, capace di rappresentanza e di rivendicazione. 
È la forma che la classe lavoratrice adotta per condurre le proprie lotte che cambieranno i rapporti di potere e la stessa struttura dello Stato liberale. 
La fisionomia dell’organizzazione è, e lo sarà fino a noi, naturalmente segnata dalla composizione della classe contadina ed operaia bresciana, dall’asprezza dei rapporti di potere nelle campagne e nelle fabbriche; rimarchevole è il profilo disegnato dall’autonomia e dall’originalità dei percorsi nelle rivendicazioni e nelle lotte; influente è la relazione con gli altri soggetti sociali, le controparti padronali e gli altri sindacati, e con quelli istituzionali, a cominciare da quella con il Municipio di Brescia. 
Tutto è cambiato nel corso di questo secolo più un quinto, anche il linguaggio, ma il legame molto stretto con le lavoratrici ed i lavoratori è rimasto nel tempo vincolo rispettato in questa Camera del Lavoro: nel compiere scelte che decidono della loro condizione di vita, nel fare gli scioperi, i presidi, le occupazioni e nel fare gli accordi, persino e soprattutto nelle sconfitte. 
Nel corso dell’anno alterneremo celebrazione e riflessione. 
Vogliamo festeggiare il positivo che ci è stato consegnato e che ci impegniamo ad accrescere, dire la nostra gratitudine per l’impegno e per il sacrificio di cui sono fatti quei risultati. 
Vogliamo riflettere sui nostri attuali compiti per rispondere bene ad essi ed andare con intelligenza e fiducia verso il futuro. 
Per questo vogliamo ragionare su limiti ed errori: per rispondere con coscienza al nostro dovere verso noi stesse e noi stessi e verso la società e la democrazia bresciane.
Puoi scaricare qui il volantino con le iniziative.

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.