venerdì 3 luglio 2015

A PROPOSITO DI BUONI PASTO

Qualche chiarimento sulle modalità di utilizzo dei buoni pasto elettronici, dopo l’articolo sul Sole 24ore e rilanci su internet, che tanto stanno allarmando la popolazione postale.
La legge di stabilità (ex finanziaria) stabilisce, ai commi 16 e 17, che a partire dal 1° luglio, solo per i buoni pasto elettronici, l’esenzione fiscale oggi 5,29 euro/giorno è elevata a 7 euro/giorno. "Le modalità di utilizzo, già stabilite per legge, non cambiano".
Quindi non dovrebbe succedere niente di diverso da quel che sta succedendo adesso.
Ad esempio, chi già utilizza il buono elettronico lo può spendere nei supermercati, secondo le modalità stabilite dall'esercente.
Quindi, anche in questo caso non dovrebbe succedere niente di nuovo.
A meno che l’esercente non stabilisca modalità diverse, ma questo potrà valere sia per il cartaceo che per l’elettronico.
Il problema più grosso è un altro, e riguarda la fruibilità del buono elettronico, nel momento che verrà esteso a tutta la popolazione postale. Ci sono infatti zone e territori, all’infuori delle grandi città, in cui ci sono pochi esercizi convenzionati che accettano postepay lunch.
Spero di essere stato chiaro e comunque seguiremo con attenzione quello che succederà praticamente.

Dalla nostra Segreteria Regionale

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.