lunedì 21 settembre 2015

Conferenza di organizzazione, il documento approvato con 587 voti a favore e 151 contrari

Si è conclusa oggi la sesta Conferenza di organizzazione della Cgil 'Contrattare per includere, partecipare per contare’ tenutasi presso l'Auditorium Parco della Musica di Roma (viale Pietro de Coubertin, 30), il documento conclusivo è stato approvato con 587 voti a favore, 151 contrari e 8 astenuti.
In apertura della prima giornata un video, accompagnato da letture, ha presentato l'album di figurine della Cgil'Una lunga storia italiana', contenuto nelle borse consegnate ai delegati nel quale vengono raccontati, attraverso immagini e didascalie, i quasi 110 anni della confederazione.
Una sala Sinopoli gremita, “921 delegate e delegati, di cui 462 donne e 459 uomini; il 60,94% dei delegati è espressione dei luoghi di lavoro o di leghe dello Spi Cgil” come ha ricordato Nino Baseotto, segretario confederale Cgil, responsabile delle politiche organizzative nella sua relazione introduttiva, sottolineando che la due giorni di Roma, “è stata preceduta da un centinaio di conferenze territoriali di organizzazione nel mese di giugno alle quali hanno partecipato 19.351 delegate e delegati”. Al centro del lungo percorso di discussione quattro temi fondamentali: contrattazione inclusiva, democrazia e partecipazione, territorio e strutture, profilo identitario e formazione sindacale.
Nel corso delle due giornate sono intervenuti circa 50 tra delegati, delegate e dirigenti sindacali. Ieri, tra gli altri ospiti, il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti, il Presidente della Commissione della Camera Cesare Damiano, il Presidente Alleanza Cooperative Italiane Mauro Lusetti e il Direttore Generale Confcommercio Francesco Rivolta. Oggi sono intervenuti  i segretari generali di Cisl e Uil, Anna Maria Furlan e Carmelo Barbagallo.
A tirare le somme, nella seconda ed ultima giornata di lavori, è stato il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso (ASCOLTA podcast su RadioArticolo1).

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.