giovedì 24 settembre 2015

Morti sul lavoro, a Brescia è stillicidio continuo

Dopo la pausa estiva, insieme alla ripresa dell' attività lavorativa, cresce l'elenco dei morti e dei gravi infortuni sul lavoro, nella nostra provincia.
L'11 Settembre si è verificato un infortunio gravissimo ad un giovane di 33 anni di Bassano Bresciano, Manuele Fregoni, che insieme al padre aveva finito i lavori di sistemazione di un cortile a Olmeneta provincia di Cremona. Il ragazzo nel pulire una piccola betoniera è rimasto folgorato e si è accasciato a terra. Deceduto dopo 10 giorni all'ospedale di Cremona.
Il 19 settembre a Concesio, Luciano Zanardelli, pensionato di 60 anni muore per il ribaltamento del trattore che guidava. Facendo registrare un'altra vittima sempre in elevata classe di età.
Ancora una volta l'agricoltura e l'edilizia si confermano i settori più colpiti e per le stesse dinamiche mortali ribaltamento del mezzo e cadute dall'alto.
Sicuramente la nostra provincia rappresenta una delle più martoriate, 24 i morti dall'inizio del 2015 (la tabella dei dati), di cui 3 accorsi a pensionati che utilizzavano il trattore nelle loro terre. Erano stati 18 gli infortuni mortali nell'anno 2014 e 18 nel 2013.
La recente pubblicazione dell'Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega di Mestre ci ricorda che i dati Inail per il settore Agricoltura a livello nazionale riportano per il 2014, ben 189 mortali di cui 121 per ribaltamennto del mezzo.
Dati che dimostrano sempre più quanto sia indispensabile occuparsi dell'emergenza. Valutando quanto siano importanti gli incentivi, come il bando Fipit dell'Inail per il sostegno al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro, con riferimento alla innovazione tecnologica nelle piccole e micro imprese dell'edilizia agricoltura e dell’estrazione e lavorazione dei materiali lapidei. Bando che non ha riscosso grande successo, riportando solo 85 ammissioni di aziende agricole in Lombardia a fronte di uno stanziamento regionale preventivato per l'agricoltura di 1.691.829 euro.

Ufficio Salute Sicurezza Ambiente Cgil Brescia
dal sito di Cgil Brescia

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.