venerdì 15 aprile 2016

RECAPITO POSTE ITALIANE IN LOMBARDIA APERTO LO STATO DI AGITAZIONE PRIMO SCIOPERO DELLE PRESTAZIONI STRAORDINARIE

Dopo non aver sottoscritto l’accordo regionale del 9 marzo 2016 che ha sancito l’avvio della riorganizzazione del recapito a giorni alterni in Lombardia e dopo aver chiuso negativamente la procedura di raffreddamento, SLC CGIL ha aperto lo stato di agitazione e proclamato un primo mese di sciopero a partire dal 26 aprile al 25 Maggio dello straordinario e delle prestazioni aggiuntive (flessibilità operativa, abbinamento).

Questa prima iniziativa di lotta si rende necessaria per:

  • Bloccare da subito l’avvio della riorganizzazione del recapito nelle provincie di Bergamo e Pavia, e quella già prevista per le altre province lombarde, in quanto la sperimentazione in corso a già evidenziato criticità irrisolte e sta peggiorando, non solo i carichi di lavoro e la sicurezza dei portalettere ma anche la qualità del servizio alla cittadinanza;
  • Costringere Poste Italiane a dare corso agli investimenti previsti dal piano industriale e non ancora realizzati, in primo luogo per il rinnovamento dei mezzi aziendali, delle infrastrutture e dei palmari in dotazione. I mezzi in dotazione non sono più idonei a garantire gli standards di sicurezza e le nuove necessità come il recapito dei pacchi;
  • Coinvolgere e sensibilizzare la cittadinanza, i Comuni, la Regione e la politica con l’obiettivo di una revisione profonda del progetto riorganizzativo del recapito, evitando la consegna della corrispondenza a giorni alterni per i capoluoghi di provincia, aree metropolitane ad alta densità abitativa ed in presenza di un bacino territoriale economicamente rilevante.


SLC CGIL Lombardia

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.