mercoledì 31 agosto 2016

La relazione semestrale di Poste Italiane spa

In data 2 agosto 2016 il consiglio di amministrazione dell'azienda poste italiane spa, ha approvato la relazione semestrale dell'amministratore delegato dott. Francesco caio.
La relazione, zeppa di dati, risulta improntata ad un giustificato ottimismo per i risultati raggiunti sia in termini di ricavi che di utili netti (questi ultimi valutati nel semestre, in 435 milioni di euro).
Ma al di là dei risultati conseguiti che presentano un aspetto complessivamente positivo e rassicurante anche sulla prevista futura cessione di una ulteriore quota azionaria, dalla relazione traspaiono alcune ombre che, come sindacato di categoria, non mancano di preoccuparci e ci riferiamo in particolare ai dati riferiti alle risorse umane disponibili ed alle future prospettive occupazionali dell'azienda stessa.

I dati riportati nella relazione, per quanto si riferisce alla consistenza del numero dei lavoratori dipendenti, mostrano un quadro significativo circa il persistente calo del numero di addetti, a fronte di limitate “immissioni” di nuovo personale non certo in grado di sopperire ai vuoti creati dalle uscite, così come si ricava da quanto riportato dalla relazione semestrale stessa:

E' appena il caso di ricordare che il Piano Strategico 2015-2020 prevede a fronte di esodi
incentivati pari ad un numero di 2.700 dipendenti all'anno l' immissione di 8.000 unità che assicurino il necessario turn-over, immissioni che a tutt'oggi non si sono viste per cui la conclusione è quella che la performance aziendale tanto esaltata nella relazione dell'Amministratore Delegato, è da accreditarsi in massima parte, alla buona volontà ed allo spirito di sacrificio dei lavoratori dipendenti rimasti attualmente in azienda la cui età anagrafica media, detto per inciso, è pari a 53 anni.
Uno studio commissionato dal SLC-CGIL ad un Comitato Scientifico di Valutazione Industriale, certifica che la media delle “uscite concordate” è di 4.000 unità all'anno, e che nell'arco di 20 anni (dal 1996 ad oggi) i dipendenti delle Poste Italiane sono passati da 210.000 a 137.000, con una perdita secca di 73.000 posti di lavoro. 
La Segreteria
SLC-CGIL di Brescia

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.