giovedì 27 aprile 2017

Lavoro: Cgil, dati Inps confermano che serve tutta un’altra Italia

“I dati diffusi quest’oggi dall’Inps ci danno drammaticamente ragione. Per questo serve costruire tutta un’altra Italia e il 6 maggio saremo in piazza a Roma per la manifestazione nazionale a sostegno della proposta di legge ‘Carta dei Diritti Universali del Lavoro‘, un nuovo Statuto di tutte le Lavoratrici e di tutti i Lavoratori”. Così la segretaria confederale della Cgil Tania Scacchetti.
“Il boom dei voucher registrato a marzo, una corsa all’acquisto dovuta alla prevista cancellazione di questo strumento – sottolinea la dirigente sindacale – dimostra che con l’approvazione della legge che li ha aboliti ha vinto il Lavoro, la nostra battaglia contro la precarizzazione e lo svilimento deve continuare”. “Il lavoro occasionale, così come proponiamo negli articoli 80 e 81 della Carta – aggiunge – può essere un utile strumento, ma deve avere diritti, limiti nella possibilità di utilizzo, e deve essere riconosciuto come lavoro subordinato”.
Inoltre secondo Scacchetti “l’esplosione nei primi due mesi dell’anno dei licenziamenti disciplinari (+30%) e il crollo dei nuovi contratti a tempo indeterminato (-12,7%) evidenziano che il fallimento del Jobs Act è sotto gli occhi di tutti. Sgravi contributivi a pioggia per le imprese e riduzione delle tutele per i lavoratori non hanno rappresentato, come avevamo previsto, la strada giusta”.
“La nostra sfida per i diritti continuerà – conclude Scacchetti – finché non avremo conquistato un lavoro dignitoso e di qualità con diritti universali ed esigibili per tutti”.
Fonte: Ufficio Stampa Cgil

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.