lunedì 12 giugno 2017

Lavoro: Cgil su analisi Cgia, insulto a etica lavoratori

Una vera e propria provocazione, non accettabile, quella del voler attribuire alla malafede dei dipendenti l’aumento dei licenziamenti per giustificato motivo soggettivo o per giusta causa”. Così la segretaria confederale della Cgil Tania Scacchetti commenta l’analisi dell’Ufficio studi della Cgia di Mestre diffusa quest’oggi.
Non esistono – sottolinea la dirigente sindacale – dati numerici che possano dimostrare quanto l’aumento dei licenziamenti sia attribuibile all’inerzia dei dipendenti che non presenterebbero le dimissioni e quanto, invece, a una facilitazione per i datori di lavoro a licenziare, aiutati oggi da una normativa che rende molto più debole la tutela per il dipendente licenziato in modo illegittimo”.
Per la segretaria confederale “andrebbe aperta una riflessione su cosa è oggi il mercato del lavoro: una ripresa dell’occupazione costituita prevalentemente da contratti precari”. “Gran parte del sistema produttivo è in difficoltà – continua – e, anche per i costi inferiori, comincia a privilegiare i licenziamenti all’utilizzo degli ammortizzatori conservativi, ridotti dalle ultime riforme del mercato del lavoro”.
“In questo contesto quindi – conclude Scacchetti – immaginare che la questione sia la ‘ corsa’ a farsi licenziare per avere un sussidio è un insulto all’etica dei lavoratori”.
Fonte: Ufficio Stampa Cgil

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.