lunedì 11 settembre 2017

POSTE ITALIANE: APERTO LO STATO DI AGITAZIONE IN TUTTA LA LOMBARDIA

Nonostante le continue denunce sulle condizioni del servizio offerto alla cittadinanza da Poste Italiane in Lombardia, sia in ambito PCL che in Mercato Privati, perdura la mancanza di risposte adeguate ad affrontare le forti criticità di organico alle base dei disservizi che ogni giorno vengono denunciati da lavoratori, cittadini e amministrazioni locali.
In ambito PCL, pur avendo riconosciuto l’esito fallimentare della riorganizzazione, laddove si è attuata, ancora non sono stati messi in opera gli interventi necessari a ridurre le difficoltà riscontrate che, nel periodo feriale, sono ulteriormente peggiorate.
In ambito MP è solo grazie ad una gestione dei distacchi e degli  straordinari fuori controllo e senza regole che l’azienda riesce a tenere aperti molti Uffici.
Per la mancanza di risposte concrete per far fronte alla carenza di personale la procedura di conflitto aperta in Lombardia si è chiusa con esito negativo.

Diventa inevitabile l’apertura dello stato di agitazione di tutti i dipendenti di Poste Italiane della Lombardia con la proclamazione di uno
SCIOPERO
DELLE PRESTAZIONI STRAORDINARIE E AGGIUNTIVE DI TUTTI I LAVORATORI
DI  POSTE  ITALIANE DELLA LOMBARDIA
DAL 21 SETTEMBRE AL 5 OTTOBRE 2017
  • Per interventi urgenti utili a sopperire alla carenza di organici nei centri di recapito e negli uffici postali;
  • Per l’avvio di un processo di stabilizzazione dei contratti a termine a partire dalla conferma di quelli in scadenza.
                                                                      SLC LOMBARDIA

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.