lunedì 9 aprile 2018

Ue: Cgil, Cisl, Uil, rilanciare politica coesione per Europa federale, sociale e dei popoli

Il rilancio della politica di coesione europea deve essere la pietra angolare sulla quale fondare il prossimo quadro finanziario pluriennale post 2020, poiché rappresenta il tramite per costruire un’Europa federale, sociale e dei popoli”. È quanto si legge nel documento unitario che i segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil Gianna FracassiAngelo Colombini e Guglielmo Loy presentano quest’oggi al Parlamento Europeo nell’ambito dell’iniziativa ‘Le priorità del sindacato italiano. Il quadro finanziario pluriennale post 2020 e la politica di coesione europea’.
Nel documento le tre Confederazioni evidenziano alcune criticità nelle poste di bilancio contenute nella recente comunicazione della Commissione.
Per quanto riguarda le risorse, auspicano che “il principio guida del prossimo Quadro finanziario pluriennale post 2020 sia l’articolo 2 del Trattato di Lisbona, così da poter rendere applicabile il principio del valore aggiunto europeo, una strumentazione per monitorare e valutare i risultati dei programmi”. Inoltre, “la riforma del bilancio europeo dovrebbe prevedere una riforma degli attuali meccanismi di finanziamento diretti e indiretti, con fonti di finanziamento proprie, adeguate e stabili nel tempo, eurobond e nuove tasse (web tax e tassazione sulle rendite finanziarie).
Risorse che – sottolineano i tre sindacati confederali – dovrebbero essere utilizzate per rilanciare un consistente programma di investimenti pubblici e privati volti innanzitutto all’infrastrutturazione
materiale, immateriale e sociale”.
Tra le criticità anche la riduzione della dimensione quantitativa della politica agricola comunitaria: “è inammissibile – dicono – l’idea di minare il futuro bilancio agricolo Ue”, e in merito alla politica di coesione ritengono “inaccettabili sia la proposta di limitare il sostegno alle sole regioni meno sviluppate, sia la proposta radicale di sostegno per i soli Paesi beneficiari del Fondo coesione”.
Cgil, Cisl e Uil invocano una riforma della politica di coesione sia dal punto di vista economico che della governance e della semplificazione amministrativa.
Infine, i sindacati ritengono che “tutto ciò non possa prescindere dal rafforzamento del partenariato. Andrebbe realmente applicato il principio della partnership – concludono – attraverso il quale garantire il coinvolgimento dei partner sociali”.
Fonte: Ufficio Stampa Cgil

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.