mercoledì 9 maggio 2018

Moro: Cgil, uomo del dialogo con grandi capacità di mediazione e di ascolto

A quarant’anni dal ritrovamento del suo corpo, la Cgil ricorda con una nota la figura di Aldo Moro. “Un uomo colto, un grande statista, dotato di straordinarie capacità intellettuali e politiche, che con la sua lungimirante visione politica ha segnato profondamente la storia del Novecento del nostro Paese, pagando con la vita l’impegno per il dialogo e il rinnovamento della società italiana”.
“Aldo Moro – prosegue la nota del sindacato guidato da Susanna Camusso – era un uomo attento alle trasformazioni in atto, alle nuove domande che si muovevano all’interno della società, alle speranze dei giovani. Un uomo del dialogo, con grandi capacità di mediazione e di ascolto, che ha sempre provato a trovare soluzioni positive a situazioni politiche particolarmente complesse”.
“Nel quarantesimo della morte di Aldo Moro – conclude la nota della Cgil – i suoi insegnamenti, il suo pensiero politico e morale, rimangono ancora attuali e devono rappresentare per tutte le forze politiche, in una fase complessa come quella attuale, un invito a mettere al centro del loro impegno il bene comune”.
Fonte: Ufficio Stampa Cgil

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.