martedì 8 dicembre 2020

Ricerca FDV, il mercato del lavoro in Italia alla prova della pandemia: ripercussioni e prospettive

Un’analisi delle conseguenze dell’emergenza sanitaria sul lavoro in Italia nel 2020 e una lettura di ciò che potrà verificarsi nel 2021. È quanto contenuto nell’ultima ricerca realizzata dalla Fondazione Di Vittorio dal titolo “Il mercato del lavoro in Italia alla prova della pandemia: ripercussioni e prospettive”.

Nel primo paragrafo sono illustrati i numeri dell’occupazione relativi al secondo trimestre del 2020, il periodo in cui si è concentrata la prima recessione da pandemia: sono individuati i gruppi più colpiti, i settori e le professioni che hanno pagato il prezzo più alto. Nel secondo paragrafo sono presentate le statistiche congiunturali dell’occupazione diffuse dall’Istat per i successivi quattro mesi, i primi segnali tangibili del forte rimbalzo del Pil registrato in quel periodo. Nel terzo paragrafo, sottolineando il carattere aleatorio delle previsioni legato alla recrudescenza del contagio, sono esposte in estrema sintesi le stime sulla produzione e sul lavoro elaborate dal Governo e dalla Commissione Europea. Nel quarto paragrafo vengono riprese le criticità strutturali e le contraddizioni che attraversano il mercato del lavoro e che la pandemia ha messo a nudo, mentre nel quinto sono prospettate le conseguenze che quelle contraddizioni, esasperate dall’emergenza sanitaria, rischiano di produrre sul tessuto connettivo, economico e sociale, del nostro Paese.

Per Fulvio Fammoni, Presidente della Fondazione Di Vittorio: “Oltre al numero di occupati, dei nuovi disoccupati e degli inattivi che conteremo alla fine della pandemia, non bisogna perdere di vista la debolezza cronica del mercato del lavoro in Italia, l’incapacità del sistema economico di attivare, per una percentuale in linea con la media dell’Unione, la forza lavoro residente nel Paese, anche quella nascosta alle statistiche ufficiali”.

Scarica: La ricerca completa  – La sintesi  – Il commento della segretaria confederale della Cgil, Tania Scacchetti

 FOnte: Ufficio Stampa Cgil

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.