mercoledì 30 giugno 2021

Appalti: Cgil, Cisl e Uil, pieno sostegno allo sciopero del 30 giugno nei settori elettrico, gas e rifiuti contro gli appalti che precarizzano il lavoro

In questi mesi Cgil, Cisl e Uil hanno posto più volte l’attenzione sulle conseguenze occupazionali dell’applicazione dell’articolo 177 del Codice dei contratti pubblici: un provvedimento che, a partire dal prossimo anno, obbligherà le imprese che gestiscono in concessione settori strategici come il gas, l’elettrico ed i rifiuti ad esternalizzare l’80% delle attività con conseguenze sociali e ricadute occupazionali pesantissime”. Lo dichiarano in una nota unitaria i segretari confederali di Cgil, Cisl, Uil Emilio Miceli, Andrea Cuccello e Tiziana Bocchi.

A queste ricadute – spiegano i tre sindacalisti – si aggiungerebbero inevitabilmente disservizi nella gestione di servizi essenziali. Abbiamo proposto di modificare radicalmente l’articolo per evitare queste ripercussioni senza aver avuto finora l’attenzione necessaria da parte delle Istituzioni: queste sono le ragioni che hanno spinto le nostre federazioni di categoria ad indire lo sciopero di oggi, 30 giugno. Il sostegno pieno allo sciopero delle tre Confederazioni – proseguono – si poggia sulla necessità di evitare che si generi precarietà attraverso la moltiplicazione degli appalti in questi settori, nonché per garantire, in vista dell’attuazione del PNRR, un sistema di gestione dei servizi a rilevanza economica più solido e non frammentato come emergerebbe all’indomani dell’applicazione dell’articolo 177”.

Miceli, Cuccello e Bocchi fanno appello al Governo e, in particolare, ai Ministri competenti affinché “si possa trovare la necessaria soluzione ad un tema dirimente per le politiche di sviluppo del Paese: l’immobilismo su questo fronte sarebbe un pessimo segnale per tutto il mondo del lavoro e un arretramento su settori strategici che pagheremmo caramente nei prossimi anni”, concludono.

Fonte: Ufficio Stampa Cgil

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.