mercoledì 23 giugno 2021

G20 Italia 2021: Landini interviene al Labour and Employment Ministerial Meeting

On.li Ministri, Gentili partecipanti,
è un onore per me intervenire a nome delle Confederazioni sindacali italiane CGIL CISL UIL, che presiedono il Labour20, in questa importante sede decisionale e di confronto. Il G20 affronta quest’anno una sfida inedita alla sua capacità di offrire leadership globale: la pandemia. Essa ha causato la morte di milioni di persone e messo a dura prova i nostri sistemi sanitari e di protezione sociale, determinato una crisi economica e sociale senza precedenti, ed esacerbato tutte quelle disuguaglianze, che già erano cresciute a causa di precedenti politiche economiche e sociali neoliberali e di austerità. Dopo più di anno dal suo scoppio, in quanto L20, possiamo affermare con orgoglio che le lavoratrici e i lavoratori in tutto il mondo hanno fornito il contribuito più decisivo alla lotta al Covid-19 e garantito il funzionamento dei servizi e delle attività produttive; tuttavia essi hanno anche subito gravi perdite di occupazione e peggioramento delle loro condizioni di lavoro e del rispetto dei loro diritti, a partire da quello alla salute e sicurezza sul lavoro e tali effetti sarebbero stati ancora più pesanti senza il ruolo svolto dalle parti sociali insieme alle istituzioni.
Dove ha funzionato il dialogo sociale, sono stati minori gli effetti della pandemia e la gestione della crisi è stata più efficace. In un momento come questo, non posso quindi che incoraggiare le istituzioni al rispetto delle parti sociali e del sindacato in particolare e a un rafforzamento dei meccanismi di contrattazione collettiva e della libertà sindacale, diritti universali che non possono in alcun modo essere subordinati o limitati da considerazioni legate alla specificità delle situazioni di lavoro o ambientali. L’esperienza italiana del Protocollo tripartito su salute e sicurezza, poi ratificato in legge dello Stato, è certamente un esempio positivo e ci auguriamo che il confronto sulla gestione delle future iniziative per il rilancio economico e sociale possa continuare in tal senso.
L’impegno del G20 a fare della salute e sicurezza sul lavoro un nuovo diritto fondamentale del lavoro sarebbe pertanto un segnale di importanza straordinaria, che vorremmo partisse dai Ministri del lavoro riuniti a Catania per divenire parte delle conclusioni dei Capi di stato. Chiediamo anche che su base internazionale il Covid-19 sia riconosciuto come malattia o infortunio professionale, con i conseguenti meccanismi di indennizzo per le vittime. La pandemia ha messo in evidenza problemi già noti e altri nuovi, ai quali occorre dare una risposta, anche con norme internazionali nuove, che vadano oltre l’emergenza di questi mesi. I dati, anche nel nostro Paese, relativi alle condizioni di lavoro e agli incidenti, anche mortali, sul lavoro sono purtroppo drammatici. Gli sforzi per proteggere le lavoratrici e i lavoratori dal contagio devono continuare a partire dalla garanzia dell’accesso gratuito al vaccino in tutti i Paesi del mondo, soprattutto in quelli più poveri.
Questo obiettivo, attraverso un aumento delle capacità produttive e della distribuzione dei vaccini, al quale sacrificare altri, pur legittimi, interessi privati, riguarda il mondo del lavoro in tutte le sue forme, ma soprattutto i lavoratori più vulnerabili, come i migranti, i rifugiati e i lavoratori precari, con una marcata specificità di genere. La pandemia ha restituito ruolo decisivo alle politiche pubbliche e ricollocato al centro l’interesse generale dopo decenni di illusioni che promuovendo il profitto privato si sarebbe generata prosperità per tutti. I governi sono chiamati a dare prova di questo ruolo ritrovato mettendo al centro le persone e i loro diritti , dalla salute come bene comune da garantire a tutti alla qualità del lavoro e delle politiche di sviluppo e all’universalità dei diritti, a partire da libertà sindacale e contrattazione collettiva.
La qualità e la dignità del lavoro sono essenziali per dare risposte eque alle priorità individuate dalla presidenza italiana, che riteniamo condivisibili: - per andare oltre gli obiettivi di Brisbane nell’affrontare le disparità di genere; - per creare il necessario spazio politico di bilancio per garantire a tutti, indipendentemente dalla natura della relazione di lavoro, uno zoccolo di protezione sociale, di educazione/formazione, di salute e di salute e sicurezza sul lavoro; - per fare delle innovazioni tecnologiche digitali e della riconversione ecologica strumenti per più occupazione di qualità. Nei singoli paesi del G20 come su scala globale e per i paesi più poveri è necessario un cambio radicale degli orientamenti delle politiche fiscali, di bilancio ed economiche; per questo ribadiamo la nostra richiesta, avanzata da tempo al G20, della necessità di lavoro congiunto (con la partecipazione delle parti sociali) tra Ministri dell’economia e del lavoro al fine di dare basi strutturali, stabili e resilienti, alle politiche sociali e alla qualità dell’occupazione, in modo analogo a ciò che ieri si è giustamente fatto tra Ministri del lavoro e dell’educazione.
Senza il rispetto e la pratica delle libertà sindacali e della contrattazione collettiva questi obiettivi non saranno raggiungibili e una transizione giusta alla green economy e alla digitalizzazione non sarà realizzata e ciò rallenterà lo sviluppo e la crescita per tutti. È fondamentale che la comunità internazionale si concentri sulle nuove forme di lavoro, come quelle dell'economia di piattaforma realizzando una protezione completa del lavoro, che tuteli la salute e la sicurezza sul lavoro anche nel lavoro a distanza e nel lavoro a domicilio. Anche l’algoritmo, che è pur sempre un prodotto dell’agire umano, dev’essere ricondotto e regolato con adeguati strumenti di tutela e contrattuali, riconoscendo la pari dignità di tutte le forme di rapporto di lavoro e debellando lo sfruttamento dei lavori più precari e vulnerabili. E’ urgente perciò dare priorità agli standard definiti dall’OIL e promuoverne di nuovi legati alle trasformazioni tecnologiche e ambientali. In tal senso sarebbe importante una generale ratifica della nuova Convenzione OIL n.190 seguendo l’esempio dell’Italia.
Vorrei chiudere questo mio breve intervento di oggi, richiamando tutte e tutti noi – nel presente contesto emergenziale – ad affrontare con spirito costruttivo e di dialogo tra sindacati, imprese e istituzioni i rischi più gravi dei prossimi decenni: l’aumento delle disuguaglianze e gli effetti interconnessi al cambiamento climatico, affinché i diritti umani e del lavoro, ancora negati in troppe parti del mondo, siano conquistati e protetti ovunque.
Fonte: Maurizio Landini

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.