martedì 1 giugno 2021

Istat: Cgil, emergenza lavoro. Prorogare blocco licenziamenti

Quelli rilevati ad aprile dall’Istat sono timidi segnali di ripresa del mercato del lavoro, una ripresa non strutturale. Si registra un minimo incremento del tasso di occupazione sul mese precedente (+0,1%), ma più consistente è stata la crescita di quello di disoccupazione (+3,4%). Indicatori che confermano quale sia l’emergenza del Paese: il lavoro”. Così la segretaria confederale della Cgil, Tania Scacchetti, commenta i dati su ‘occupati e disoccupati’ diffusi oggi dall’Istituto di statistica. Per la dirigente sindacale “permane, aggravato dalla pandemia, lo storico problema della disoccupazione. 
L’aumento esponenziale del 2021 sul 2020 (+870mila unità) va certamente letto in relazione al calo di inattività, segno che le persone iniziano nuovamente a cercare un’occupazione. Tuttavia il tasso di disoccupazione rimane una delle grandi emergenze del Paese”. “Altro dato, sempre su base annuale, che merita una riflessione – sottolinea Scacchetti – è quello relativo alla composizione per posizione professionale e per carattere dell’occupazione. Il saldo dei lavoratori dipendenti è positivo (+7 mila), mentre quello sul lavoro indipendente è negativo (-184 mila). Inoltre, i lavoratori dipendenti permanenti calano di 222 mila unità, crescono invece i contratti a termine di 229 mila unità. Quasi un effetto sostituzione, da un’occupazione con carattere di continuità ad una a termine, a dimostrare la mancata strutturalità di una possibile ripresa occupazionale”. 
Quelli fotografati dall’Istat sono quindi per la segretaria confederale “timidi segnali di ripresa”. “Il lavoro – conclude Scacchetti – è la vera emergenza del Paese, che deve essere affrontata condizionando gli investimenti alla crescita di occupazione di qualità, prolungando il blocco dei licenziamenti e accelerando il confronto sulla riforma degli ammortizzatori e delle politiche attive. Fonte: Ufficio Stampa Cgil

Nessun commento:

Posta un commento

Tutti i commenti saranno pubblicati purché privi di volgarità, offese, denigrazioni o attacchi personali.
I commenti che non rispettano queste regole elementari di buona educazione verranno cancellati.